Annunci per gli autisti

Andrea, 37. Autista NCC. Si è offerto una crescita professionale e una vita migliore con Uber.

26 giugno 2019 / Italia

“Lavoro con Uber da poco, da un mese e mezzo, prima facevo il magazziniere: ho cambiato tutto per iniziare questo lavoro.

Era una prospettiva migliore rispetto a quel che facevo prima, quando svolgevo un lavoro pesante e un po’ in crisi e dove c’erano sempre meno prospettive per il futuro.

Oltre a questo volevo anche migliorarmi un po’, crescere professionalmente, farlo per me stesso: perché non si può restare fermi, bisogna crescere e per crescere bisogna cambiare, non ci sono alternative.

In questo momento non ho tanto paura per il mio di futuro, quanto per il futuro dell’Italia, che non sta crescendo come altri Paesi europei. Non riesce a crescere e non riesce ad adeguarsi a questo nuovo mercato e a tutte le opportunità che offre, come nel caso della sharing economy.

La mia preoccupazione principale è che a livello di Sistema Paese ci si stia fermando. Non andiamo avanti, restiamo fermi”.

(opens in a new tab)”>LEGGI LE ALTRE STORIE >